Sale lo scandalo in città. Sale il tam tam social, sale la mobilitazione: sembra quasi di doversi aspettare, a un secolo di distanza, delle nuove barricate del ’22… Ancora quella storia noiosa del

fascismo? No: i barricati del 2022 di solito il fascismo non lo ammettono neppure per il secolo scorso… Allora le infiltrazioni della mafia di cui si è parlato anche la settimana scorsa nelle nostre cronache? Macchè: gli sbarchi in giacca e cravatta non preoccupano nessuno. Tutti in strada contro la guerra? No: lì abbiamo già dato col voto all’Eurovision.

No: il pericolo 2022 è il gay pride, per la prima volta a Parma.

Perfino i virologi da tastiera, per due anni impegnati a negare la stessa esistenza del Covid, qui non la prendono altrettanto alla leggera… Oddio, che i gay pride abbiano anche eccessi di folclore e qualche caduta di gusto può essere. Del resto anche il tifo calcistico a volte finisce con giovani che in modo insensato si picchiano in un bar (è successo pochi anni fa a Parma), ma a nessuno è venuto in mente per questo di vietare partite di calcio.

Allora, che fare? Butto lì qualche idea: nel giorno e all’ora del gay pride, se non vi interessa quella manifestazione, fate appunto come i tanti non appassionati di calcio fanno mentre noi sfoghiamo le nostre passioni calcistiche al Tardini in una città quindicinalmente semi-bloccata. Quindi andate al cinema, leggete un libro, ascoltate buona musica, fate l’amore etero o non a vostro libero gusto…

Oppure provate a entrare in Battistero, giusto per l’ebbrezza di capire che la Parmigianità non è fatta solo dal postare gli anolini mangiati a ferragosto o dai destini di Iachini e Buffon. E se proprio volete farla fuori dal vaso, andate ad ammirare la Scapiliata di Leonardo: è l’opera più straordinaria della nostra Galleria Nazionale in Pilotta, ed è un capolavoro che porta a Parma migliaia di turisti con il relativo indotto per la nostra economia. E’ una delle più belle opere di un Genio. Che peraltro fu ed è “sospettato” di essere stato gay, ma che in ogni caso fu e resterà Leonardo.

Ecco. Andate a vedere la Scapiliata: forse quella è contagiosa davvero. Ma contagia Bellezza, e ne abbiamo tutti bisogno…

Angiol d'or Assistenza Pubblica Battistero Parma beppe grillo calcio Carlo Ancelotti commercio Comune di Parma coronavirus Coronavirus a Parma Corvi Donne Elezioni comunali Parma 2022 federico pizzarotti Fotografie di Parma giornalismo giovani Giovannino Guareschi Haters Inceneritore Katharina Miroslawa La rabbia Leonardo da Vinci Libri Loris Borghi Lucia Annibali parma Parmabooks parma calcio Piazza Garibaldi Pier Paolo Pasolini Politica psichiatria Public money Scapiliata Sicurezza Social Sport Stefano Pioli teatro università Università di Parma Violenza sessuale Vittorio Adorni volontariato

Please follow and like us:
Pin Share