Dove perdersi è inevitabile e quasi auspicabile. La magìa

del Labirinto della Masone è questa: vivere l’ansia della ricerca dell’uscita, scoprire che è davvero una cosa complicatissima, essere però rassicurati dal numero di telefono a disposizione in caso di SOS…

Ma in realtà, e prima di arrivare a questo, c’è molto di più nel Labirinto creato alle porte di Fontanellato da Franco Maria Ricci. Andiamo con ordine: prima ancora di sapere come ci si debba districare dentro, il Labirinto è ottimamente segnalato per chi ci deve arrivare. E sono tante, anche in giornate che poco inducono agli spostamenti, le auto di visitatori anche da fuori Parma o fuori Italia.

Il caldo, del resto, sarà ben compensato nella maggior parte dei sentieri, all’ombra e con il beneficio della vegetazione. Ma prima ancora dell’ingresso al Labirinto, c’è lo spettacolo della terazza belvedere: dall’alto si resta conquistati da questa splendida e folle realizzazione. Un labirinto fra città e Bassa: un mare di 200mila piante di bambù, sinfonia verde che l’occhio fatica ad abbracciare per intero. Basta questo per restare ammirati, e il prezzo del biglietto è già pagato con questa vista.

L’ingresso al labirinto comporta poi un primo passaggio all’ingresso della collezione d’arte, unicum nell’unicum. C’è una mappa del Labirinto, dove sono sparsi qua è là numeri e lettere: consiglio di fotografarla e di tenerla a portata di cellulare, specie se state sottovalutando la vostra capacità di orientarvi e se non avete intenzione di ricorrere alla telefonata SOS. In realtà è rarissimo – ci dicono – che qualcuno si perda fino a quel punto, ma il Labirinto è tale per davvero: la superficialità del visitatore significherebbe giri a vuoto e frustrazione, anche se non proprio paura visto che qui non è contemplata la presenza di Minotauri e tutto è invece rassicurante e anche a misura di famiglie.

Detto tutto questo, però, all’inizio è bellissimo girare a caso. Lasciarsi cullare come nel mare, e sì: anche perdersi, pur potendo intravedere la cima della piramide centrale che è il punto di arrivo. La folle bellezza del Labirinto avvolge e conquista: trovare alla fine la strada è rassicurante e allo stesso tempo quasi rattristante. Si torna alla normalità, si esce quasi da un sogno.

In realtà, anche la “normalità” del luogo post-Labirinto è affascinante. La collezione delle opere d’arte vale un’ulteriore e non breve passeggiata, questa volta all’interno. E opere d’arte appaiono indubbiamente anche le raccolte di FMR, la “rivista più bella del mondo”, espressione contemporanea dell’arte e del gusto appresi con lo studio di Bodoni.

Un’altra grande bellezza, a pochi chilometri dalla città, a pochi minuti dalla Rocca di Fontanellato impreziosita dal Parmigianino, e non molto distante dai luoghi della Bassa di Verdi, Guareschi… Un circolo turisticamente virtuoso forse non ancora del tutto valorizzato e sfruttato (anche in possibili sinergie commercial-turistiche con chi da lontano arriva al Fidenza Village e trova nei dintorni anche tante vendite di prodotti gastronomici del Parmense), così come a sud-est avviene per i possibili itinerari fra Magnani Rocca e Castello di Torrechiara (anche qui con possibili agganci al sapore di prosciutto…).

Ma torniamo a Bellezza e Cultura. L’abbinamento è straordinario, unico: si esce con la voglia di approfondire (Borges, ad esempio) e con l’ammirazione per chi – fra tante avventure in avanti, simboleggiate forse dalla Jaguar targata PR che accoglie i visitatori – seppe guardare avanti fino a questo straordinario regalo per sè e per tutti noi.

ILCIELODIPARMA.IT – GLI ULTIMI ARTICOLI:

ILCIELODIPARMA.IT – Scopri anche:

Alberto Bevilacqua anime salve antonella ruggiero Assistenza Pubblica beppe grillo calcio Carlo Ancelotti commercio Comune di Parma coronavirus Coronavirus a Parma Corvi creuza de ma Donne Elezioni comunali Parma 2022 Elezioni Parma 2022 federico pizzarotti francesco picucci giornalismo giovani Giovannino Guareschi giustizia riparativa terrorismo via fani aldo moro brigate rosse agnese moro adriana faranda manlio milani strage brescia Haters Inceneritore Katharina Miroslawa La rabbia Libri Loris Borghi Lucia Annibali michelle campos violenza donne mamma parma Parmabooks parma calcio Pier Paolo Pasolini Politica Primo Giroldini Public money Sicurezza Social Stefano Pioli talidomide teatro università Università di Parma volontariato

Please follow and like us:
Pin Share