Sono entrato proprio in quel momento, mentre un video ricostruiva il gelo di una madre che vedeva per la prima volta la propria bambina e scopriva che era senza braccia e con una sola gamba. Il gelo:

purtroppo anche in senso letterale, per la disumanità delle parole di medici e infermiere di fronte allo schock di una mamma e di un papà.

Un video che ricostruiva una vicenda purtroppo vera, e moltiplicata per tanti casi analoghi negli anni ’50 e nei primi ’60. Gli anni della talidomide, un farmaco che si diffuse tantissimo per la proclamata capacità di contrastare le nausee e altri problemi per le mamme in attesa. Ma l’altra faccia della medaglia fu appunto quella dei tremendi effetti collaterali, che produssero morti premature e malformazioni gravissime e irreversibili. Con implicazioni fisiche e sociali per la vitga di tanti bambini oggi adulti: la successiva scena del video, di quella neonata divenuta bambina che aspetta invano l’arrivo di qualche amica davanti alla tavola apparecchiata e alla torta del compleanno ne è il simbolo.

Il convegno di sabato alla Casa della Musica, come ho poi verificato ieri nella cronaca sulla Gazzetta di Antonio Bertoncini, è stato – come già avevo verificato direttamente per quasi due ore – di grande efficacia. Pareri di medici (fra cui il parmigiano Franco Lori), avvocati, rappresentanti di associazioni hanno fornito un quadro completo degli aspetti di uno scandalo, che è tale non solo per ciò che avvenne allora, ma anche perchè lo Stato non ammette ancora agli indennizzi una parte delle vittime della talidomide.

E qui il merito di questo scandalo disvelato è ancora una volta di Antonio Ciuffreda e del parmigiano Francesco Picucci. Entrambi, a loro volta, vittime della talidomide, ma con una tale carica interiore che questo passa quasi in “secondo piano” rispetto alla pasisone civile e al senso di Giustizia (G maiuscola) che anima la loro battaglia. Dalla vicenda della talidomide, come è stato ricordato, nacque la provvidenziale farmaco-vigilanza. Ma intanto c’è questa brutta storia da approfondire: per rendere appunto giustizia a chi ne ha diritto, e per essere certi che disasrti analoghi non si ripetano mai più.

PER SAPERNE DI PIU’: La tragedia della Talidomide: una battaglia anche parmigiana

ILCIELODIPARMA.IT PARLA ANCHE DI:

Angiol d'or Assistenza Pubblica Battistero Parma beppe grillo calcio Carlo Ancelotti commercio Comune di Parma coronavirus Coronavirus a Parma Corvi Donne Elezioni comunali Parma 2022 federico pizzarotti Fotografie di Parma giornalismo giovani Giovannino Guareschi Haters Inceneritore Katharina Miroslawa La rabbia Leonardo da Vinci Libri Loris Borghi Lucia Annibali parma Parmabooks parma calcio Piazza Garibaldi Pier Paolo Pasolini Politica psichiatria Public money Scapiliata Sicurezza Social Sport Stefano Pioli teatro università Università di Parma Violenza sessuale Vittorio Adorni volontariato

Please follow and like us:
Pin Share