Vedo per caso la targa e mi strappa un sorriso. “Corte Mario Tommasini”: sì, è giusto che

Mario sia ricordato qui, al di là di strade o piazze. Una corte è perfetta, e ancor più lo sarebbe stato il “Castello dei diritti”, splendida utopia qualunque fine abbia fatto.

Bello che quella corte confini con una Biblioteca, la Civica, per un politico che non aveva fatto lunghi studi ma che ha saputo mettere nel suo impegno pubblico una passione e alcune istintive intuizioni che hanno fatto la storia amministrativa di Parma e spesso hanno fatto notizia fuori.

Proprio per questo mi ha piacevolmente sorpreso leggere nei giorni scorsi sulla Gazzetta che proprio Mario Tommasini e la sua Fondazione erano stati al centro di una assemblea all’Itis: i giovani di oggi alle prese con una storia ormai già lontana da loro (sono passati 17 anni dalla morte di Mario…) eppure modernissima. Non resti isolato, quell’incontro: se Parma vuole avere un bel futuro, è da questa Storia e da queste storie che deve trarre gli esempi e il coraggio.

FONDAZIONE TOMMASINI: vai al sito

ILCIELODIPARMA.IT – Ultimi articoli:

Ambiente Antonio Mascolo arte Assistenza Pubblica Battistero Parma Benedetto Antelami calcio Carlo Ancelotti Cinema Comune di Parma coronavirus Coronavirus a Parma Don Camillo Donne Duomo di Parma Elezioni comunali Parma 2022 federico pizzarotti fotografia Fotografie di Parma gazzetta di parma giornalismo giovani Giovannino Guareschi Giulia Ghiretti Inceneritore La rabbia Libri Libri recensioni nevio scala Non è mai troppo Parma parma Parmabooks parma calcio Parma senza amore Pier Paolo Pasolini Politica psichiatria Stefano Pioli Tea Ranno teatro Torrente Parma università Università di Parma Violenza sessuale volontariato

Please follow and like us:
Pin Share