Non troverete quella parola nei dialoghi aridi dei nostri social, e faticherete anche a cercarla sui dizionari. Perchè le parole della poesia volano ben più in alto delle parole del nostro mediocre quotidiano, e perfino per i profani (fra cui mi colloco) respirarne l’aria, almeno ogni tanto, eleva lo spirito. Già dal titolo,

“la tramontanza” di Adriano Engelbrecht è musica nuova, che accompagna ed emoziona per tutte le pagine. Fin dal verso, stupendo, che già mi aveva colpito in pagina e che poi ho ritrovato – giustamente – anche in quarta di copertina: “aspettare chi? / se non il tempo che sclessidra l’ore?”.

Non so se sia ripetibile l’Officina parmigiana di cui perfino Pasolini cantò le lodi, ma se Parma riuscisse a mettere insieme le energie che anche oggi, magari sparse, vi si muovono (e non è solo compito del Comune: occorre una coralità cittadina e provinciale), potrebbe aprirsi un nuovo futuro. Di certo, in questa nuova Officina i versi di Engelbrecht ci possono accompagnare ed elevare, ringraziando nel contempo anche Diabasis che ha edito la pubblicazione.

Siamo circondati dal buio, ma se editori e librai non cedono, potremo ancora contare sui poeti per invocare, come in un altro verso del libro, “fioriture spontanee”.

Ambiente Antonio Mascolo arte Battistero Parma Benedetto Antelami calcio Carlo Ancelotti Cinema Comune di Parma coronavirus Coronavirus a Parma Don Camillo Donne Duomo di Parma Elezioni comunali Parma 2022 federico pizzarotti fotografia Fotografie di Parma gazzetta di parma giornalismo giovani Giovannino Guareschi Giulia Ghiretti Inceneritore La rabbia Lauro Grossi Libri Libri recensioni Michele Guerra Non è mai troppo Parma parma Parmabooks parma calcio Parma senza amore Pier Paolo Pasolini Politica psichiatria Stefano Pioli Tea Ranno teatro Torrente Parma università Università di Parma Violenza sessuale volontariato

Please follow and like us:
Pin Share