Ti trovi subito in mezzo alle Barricate. E da lì inizia un percorso

che è insieme memoria e Storia. E’ la mostra che Palazzo Pigorini ospita in strada Repubblica fino al 5 novembre e che è dedicata all’Archivio Amoretti, dinastia di fotografi parmigiani con tre generazioni fin dal 1938.

Dopo le Barricate, arrivano Mussolini, la Liberazione e i comizi nelle fondamentali elezioni del 1948: colpisce la gremitissima Piazza Garibaldi di chi sarebbe stato sconfitto, per il comizio del segretario comunista Palmiro Togliatti. E poi scene e ritratti di quotidianità, prima di arrivare alla indimenticabile visita parmigiana di Papa Giovanni Paolo II.

Scatti alternati ad altri volti noti (Fausto Coppi, Pietro Barilla): c’è dentro tanta Storia di Parma ed è ovviamente una donazione importante, quella che gli Amoretti hanno fatto al Comune. Ma è anche un’ ulteriore dimostrazione (già solo da quanto si vede in questa mostra) di come gli archivi dei fotografi parmigiani potrebbero andare a costituire uno straordinario museo virtuale: un romanzo della Memoria per immagini che si possa consultare anche oltre le mostre. Ci arriveremo?

ILCIELODIPARMA.IT – ULTIMI ARTICOLI:

Ambiente Antonio Mascolo arte Battistero Parma Benedetto Antelami calcio Carlo Ancelotti Cinema Comune di Parma coronavirus Coronavirus a Parma Don Camillo Donne Duomo di Parma Elezioni comunali Parma 2022 federico pizzarotti fotografia Fotografie di Parma gazzetta di parma giornalismo giovani Giovannino Guareschi Giulia Ghiretti Inceneritore La rabbia Lauro Grossi Libri Libri recensioni Michele Guerra Non è mai troppo Parma parma Parmabooks parma calcio Parma senza amore Pier Paolo Pasolini Politica psichiatria Stefano Pioli Tea Ranno teatro Torrente Parma università Università di Parma Violenza sessuale volontariato

Please follow and like us:
Pin Share