La via Emilia è lì, eppure non c’è già più con le sue file di auto. E perfino la guerra e gli orrori delle cronache sembrano pian piano allontanarsi, mentre ci si immerge nel verde di uno scenario diversissimo, seppur immerso

in pieno paesaggio urbano (San Prospero: alle porte di Parma e appunto a due passi dalla via Emilia). Ma quando si lascia la tradizionale SS9 che già ha iniziato a dirigersi verso Reggio, per imboccare via Quingenti, bastano pochi secondi per iniziare a scorgere sulla sinistra questo nuovo mondo.

L’insegna è spartana, subito in linea con la naturalezza dello spiazzo e con la naturalezza della persona (in questo caso papà Gian Carlo) che ci accoglie nel Bosco Spaggiari. E poi è tutta quieta e grande magia: un trionfo di verde e di varietà vegetale, dove immergersi e perdersi come in un labirinto mai ostile. Una Natura…naturale, senza imposizioni e leggi che non siano quelle che autoregolano un bosco.

“Dove ci sono i gelsi c’erano i carri armati”, spiega Gian Carlo che poi ci mostrerà altri angoli. E ancor più avverti che la cultura della Natura è uno di pochi antidoti per salvare il mondo dalle guerre e dalle distorsioni dell’ingordigia. Gli Spaggiari (avevo già conosciuto in altra circostanza il figlio Roberto) hanno fatto una cosa straordinaria, salvando quest’area dalla ennesima cementificazione: visitarla e appoggiare il loro bellissimo progetto, riscoprendo anche i valori della civiltà contadina da cui proveniamo, è insieme un dovere e un piacere.

ILCIELODIPARMA.IT – ULTIMI ARTICOLI:

Ambiente Antonio Mascolo arte Battistero Parma Benedetto Antelami calcio Carlo Ancelotti Cinema Comune di Parma coronavirus Coronavirus a Parma Don Camillo Donne Duomo di Parma Elezioni comunali Parma 2022 federico pizzarotti fotografia Fotografie di Parma gazzetta di parma giornalismo giovani Giovannino Guareschi Giulia Ghiretti Inceneritore La rabbia Lauro Grossi Libri Libri recensioni Michele Guerra Non è mai troppo Parma parma Parmabooks parma calcio Parma senza amore Pier Paolo Pasolini Politica psichiatria Stefano Pioli Tea Ranno teatro Torrente Parma università Università di Parma Violenza sessuale volontariato

Please follow and like us:
Pin Share